La nostra utopia

una città resistenza  UNA CITTA’ – RESISTENZA

La città come luogo di dialogo e di pensiero in cui i singoli ed i gruppi possono attivare percorsi per diffondere l’autoformazione dei cittadini, la conoscenza del territorio nelle sue complesse relazioni interne ed esterne, la proposta di modelli di convivenza e stili di vita radicati su visioni realmente condivise e sostenibili.

Cantieri Comuni accompagna gruppi di cittadini e istituzioni pubbliche o private in processi di messa in rete e costituzione di forum permanenti attraverso metodologie interdisciplinari e flessibili, adatte a facilitare l’incontro, la conoscenza, la creazione di cantieri di progettualità.

Cantieri Comuni si propone come mediatore tra tutti gli attori sociali, sollecita l’intervento, sconsiglia le scorciatoie per favorire un reale dialogo a più voci.

Attraverso le proprie competenze, la conoscenza di metodi e di buone pratiche locali e internazionali facilita la partecipazione diffusa, la presa di parola di tutte le categorie sociali, l’impegno attivo dei singoli e dei gruppi, la risoluzione dei conflitti in senso propositivo.


una città progetto  UNA CITTA’ – PROGETTO

La città come cantiere aperto di progettualità in cui, a partire dalle istanze locali, si mettono in comune criticità, bisogni e risorse per innescare processi virtuosi di valorizzazione e riappropriazione del territorio a diversa scala.

Cantieri Comuni accompagna processi partecipativi di educazione permanente, di progettazione partecipata di spazi pubblici, di auto-recupero e autocostruzione e processi di condivisione di modelli di valorizzazione del territorio attraverso diversi dispositivi e strumenti progettuali (Forum permanenti, Bilanci Partecipati, laboratori di progettazione partecipata con adulti e bambini, esperienze di riappropriazione simbolica e materiale dei luoghi, progetti di recupero e costruzione).


una città incontro UNA CITTA’ – INCONTRO

La città come luogo di incontro e di scambio tra somiglianze e diversità, di creazione di rapporti di prossimità e di reti di solidarietà, di realizzazione del singolo e della collettività.

Cantieri Comuni propone esperienze di incontro attraverso metodologie di animazione territoriale finalizzate a favorire la conoscenza intergenerazionale e interculturale e la creazione e l’empowerment di comunità.


  UNA CITTA’ – GIOCO

La città come un esteso tavolo da gioco, dove le bambini ed i ragazzi possono muoversi liberamente ed in autonomia, trovando occasioni e spazi di gioco diffusi ed a statuto differente. Restituendo alla città la sua funzione di spazio della crescita e della scoperta si offre ai cittadini più piccoli la possibilità di vivere quelle esperienze ambientali e sociali fondamentali al loro sviluppo cognitivo e delle capacità relazionali. Il coinvolgimento diretto dei più piccoli nelle pratiche decisionali è uno stimolo alla formazione di una comunità effettiva, basata sulla solidarietà e su pratiche sociali condivise. Inoltre una città che rispetta i diritti dei bambini garantisce anche il rispetto dei diritti di tutte le altre categorie sociali.

CantieriComuni organizza laboratori di progettazione partecipata e cantieri di autocostruzione con bambini e ragazzi per ripensare la città assumendo come parametro della trasformazione la loro visione, per contrastare il modello di sviluppo “adultocentrico” della città contemporanea, lavorando su una dimensione locale compatibile con le loro capacità di controllo e di conoscenza.


una citta verde UNA CITTA’ – VERDE

La città come orto o giardino in cui l’atto di prendersi cura della terra e delle piante è atto materiale e simbolico del prendersi cura di sé e degli altri e del nostro ambiente di vita quotidiano. Il rapporto immediato e diretto con la natura in città diventa trampolino per riappropriarsi di un rapporto sano con l’ambiente, per imparare a conoscere i ritmi delle stagioni, a saper mangiare e saper comprare, a differenziare e riciclare.

Cantieri Comuni propone azioni di recupero e di progettazione di spazi verdi abbandonati, percorsi di sensibilizzazione al consumo critico e al buon vivere individuale e collettivo, la diffusione di stili di vita sani e solidali.